martedì 13 marzo 2012

Le mie perle a lume!

Roberta mi ha appena mandato la foto delle perle che ho creato sotto la sua sapiente guida, la qualità è discutibile, ma sono a me preziose come ricordo della prima volta che ho lavorato il vetro a lume e dell'incontro della glass bead master amabito :)

8 commenti:

  1. Ciao, beh direi che per essere le prime sono molto belle eh! Da qui si va solo migliorando. E pensare che lo scorso anno mi ero informata per fare un corso a Firenze (io sono di Vicenza e dalle mie parti non ho trovato nulla). Poi il tempo è tiranno e non se n'è più fatto nulla....
    Ciao Erika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai a Murano! E' più vicino di Firenze!!! :)

      Elimina
  2. Dài sono particolari e poi essendo le prime....
    ma l'imperfezione ha anch'essa il suo fascino e significato.
    A me verrebbe di impiegarle tutte in una collana con pietre dure.
    Buona giornata cara Nico.

    RispondiElimina
  3. Dev'essere stata proprio una bella esperienza ... sentirsi un dio nel proprio piccolo!!!!
    e mi piacciono anche molto la trasparenza con il vedre acido davvero cool!!!!!

    RispondiElimina
  4. io le trovo bellissime**
    imperfezioni o no, sono assolutamente super particolari e uniche**

    RispondiElimina
  5. angela: meglio l'imperfezione voluta che l'incapacità, ma almeno qualcosa è uscito... credo però saranno "festeggiate" con un paio di orecchini (tanto per cambiare ahahah)
    civetta: dio magari no, ma un po' maghette ci si sente :)
    martina: su "uniche" hai ragione ;***
    roberta: se avrò la fortuna di tornare nel tuo laboratorio cercherò di fare meglio la prossima volta :***

    RispondiElimina
  6. Non capisco,
    credo che in un percorso creativo la creazione imperfetta (inevitabile) sia la quasi perfezione, cio' che aspira ad essa e quindi per sua natura significativa di un momento ma non voluta. Accaduta.

    RispondiElimina

Grazie, i vostri commenti sono la più gradita ricompensa
Thank you, your comments are my reward